Via Roberto Malatesta, 12 – Tel. 06/296169

Piazza Alessandria, 24 – Tel. 06/85866340

Via Appia Nuova, 5 Tel. 06/37895739

Il recupero della spalla congelata

gennaio 17, 2015

Il recupero della spalla congelata

La capsulite adesiva, detta anche “frozen shoulder” (spalla congelata), è una patologia che colpisce la spalla caratterizzata da dolore e rigidità articolare con conseguente limitazione nei movimenti. Consiste in un processo infiammatorio a carico della capsula articolare, un manicotto di tessuto connettivo che riveste l’articolazione gleno-omerale. L’infiammazione determina un ispessimento della capsula, la formazione di aderenze e la perdita di elasticità.

Nei pazienti affetti da spalla congelata diminuisce la possibilità di movimento sia attivo che passivo. La limitazione del movimento passivo è una caratteristica importante che permette di distinguere la capsulite adesiva da altre patologie della spalla quali la lesione della cuffia dei rotatori, la tendinopatia calcifica, l’artrosi scapolo-omerale.

La capsulite adesiva insorge senza alcuna causa apparente, escluso pochi casi in cui si sviluppa in seguito a traumi a carico della spalla. Fattori di rischio sono:

  • l’età: colpisce maggiormente soggetti di età compresa tra i 40 ed i 60 anni
  • il sesso: colpisce in prevalenza donne
  • il diabete
  • le disfunzioni della tiroide
  • alcune malattie sistemiche (malattie cardiache, morbo di Parkinson…)
  • l’immobilizzazione: la capsulite adesiva può svilupparsi dopo un periodo di immobilità forzata della spalla in seguito ad un intervento chirurgico, ad una frattura o ad una lussazione.

La spalla congelata si sviluppa in tre fasi:

  • fase di congelamento, è la fase più dolorosa. Il paziente tende con l’aumentare della sintomatologia dolorosa a limitare sempre più l’utilizzo della spalla;
  • fase della spalla congelata, diminuisce il dolore ma aumenta la rigidità articolare con conseguente riduzione dei movimenti;
  • fase di scongelamento, caratterizzata da un miglioramento graduale della mobilità della spalla.

Il trattamento della capsulite adesiva ha due obiettivi: la riduzione della sintomatologia dolorosa ed il recupero dell’articolarità, ovvero il raggiungimento del completo range di movimento (ROM – Range Of Motion) della spalla.
Per ridurre la sintomatologia dolorosa, oltre a ricorrere ad infiltrazioni intrarticolare di cortisone, il paziente può sottoporsi a sedute di tecarterapia e laserterapia ad alta energia.
La massoterapia della zona cervico-scapolare contribuisce a ridurre le contratture antalgiche.

Per il recupero dell’articolarità il paziente dovrà effettuare sedute di fisioterapia:

  • mobilizzazione passiva della spalla: il fisioterapista mobilizza l’arto superiore del paziente. Una mobilizzazione troppo cauta può essere poco efficace, una mobilizzazione troppo energica rischia di infiammare i tessuti periarticolari della spalla con conseguente aumento del dolore;
  • esercizi di mobilizzazione attiva della spalla, inizialmente sotto la supervisione del fisioterapista;
  • esercizi di stretching della capsula.

Tutti gli esercizi devono essere eseguiti in assenza di dolore e ripetuti 2-3 volte al giorno.
Gradualmente vengono inseriti per il recupero della forza muscolare dapprima esercizi in isometria, successivamente esercizi con elastici.

Più del 90% dei pazienti con spalla congelata migliora con la fisioterapia, anche se spesso il recupero completo può richiedere anche più di un anno. Solo in pochissimi casi è necessario ricorrere all’intervento chirurgico di release capsulare in artroscopia.

Laserterapia, Massoterapia, Rieducazione motoria, Tecarterapia
About Centro Fisioterapia Fisiosport Roma
Fisiosport Roma è una realtà dinamica, giovane ed accogliente, specializzata nel campo della fisioterapia e della riabilitazione. I risultati del nostro successo sono frutto dell’unione delle migliori tecniche di terapia manuale abbinate all’uso di elettromedicali all’avanguardia quali tecarterapia, ipertermia, laser ad alta potenza, onde d’urto e crioultrasuoni.
Prenota una visita