Via Roberto Malatesta, 12 – Tel. 06/296169

Piazza Alessandria, 24 – Tel. 06/85866340

Via Appia Nuova, 5 Tel. 06/37895739

Patologie dell’anca

Anatomia dell’anca

L’articolazione dell’anca, chiamata anche articolazione coxo-femorale, è costituita dall’acetabolo dell’osso iliaco e dalla testa del femore. La cavità acetabolare accoglie la testa sferica del femore. La testa del femore è connessa alla diafisi prossimale tramite il collo anatomico. La diafisi prossimale del femore presenta due tuberosità ossee:

  • il grande trocantere si trova lateralmente al collo. È l’inserzione dei muscoli medio gluteo piccolo gluteo, del muscolo piriforme, dei muscoli otturatore interno ed otturatore esterno
  • il piccolo trocantere, si trova nella parte interna del femore, appena sotto il collo anatomico. È l’inserzione del muscolo ileo-psoas.

Anatomia dell'ancaLa coxartrosi

Che cosa è la coxartrosi?

La coxartrosi è l’artrosi che colpisce l’articolazione dell’anca. L’artrosi è una malattia degenerativa che si manifesta con un’usura progressiva della cartilagine che riveste le superfici articolari. Lo sfregamento tra le superfici ossee provoca dolore ed infiammazione.

Quali sono i fattori di rischio della coxartrosi?

I fattori di rischio della coxartrosi sono:

  • l’età avanzata
  • un’attività sportiva eccessiva e logorante
  • la sedentarietà: un’attività fisica moderata e regolare è considerata preventiva dell’artrosi dell’anca
  • l’obesità
  • vecchi traumi o fratture
  • l’artrite reumatoide

Quali sono i sintomi della coxartrosi?

Il sintomo principale della coxartrosi è il dolore, in particolare all’inguine, alla coscia e nella regione laterale dell’anca. Il dolore è più intenso quando si muove l’anca dopo un periodo di inattività (al mattino o dopo essere stati seduti a lungo).

Inizialmente il dolore appare dopo un’attività di intensità media/elevata. Nelle fasi avanzate della coxartrosi il dolore è presente anche a riposo.

Altri sintomi dell’artrosi dell’anca sono:

  • una ridotta mobilità dell’anca in flessione, estensione e divaricazione: il paziente ha difficoltà nel mettere le scarpe o tagliare le unghie
  • dolore lombare
  • una deambulazione dolorosa con zoppia

Diagnosi della coxartrosi

Oltre all’esame clinico, l’esame radiografico dell’articolazione coxo-femorale e del bacino mette in evidenza:

  • la riduzione dello spazio articolare
  • l’usura della cartilagine articolare
  • la formazione di osteofiti

Artrosi ancaIl trattamento della coxartrosi

In presenza di una coxartrosi non severa il trattamento sarà conservativo:

  • infiltrazioni intrarticolari sotto guida ecografica di acido ialuronico
  • tecarterapia per ridurre il dolore e l’infiammazione
  • massoterapia decontratturante
  • chinesiterapia passiva per migliorare la mobilità dell’articolazione coxo-femorale
  • rieducazione motoria con esercizi di rinforzo della muscolatura dell’anca, esercizi propriocettivi, ed esercizi per rinforzare il core
  • sedute di rieducazione posturale individuale

In presenza di una coxartrosi severa è necessario ricorrere alla chirurgia protesica dell’anca.

Protesi ancaLa trocanterite

Che cosa è la trocanterite?

La trocanterite, chiamata anche borsite trocanterica o sindrome dolorosa del grande trocantere, è una infiammazione a carico della borsa trocanterica e dei tendini dei muscoli che si inseriscono sul grande trocantere: il medio gluteo ed il piccolo gluteo, il piriforme, l’otturatore interno e l’otturatore esterno. La borsa trocanterica è una borsa sierosa la cui funzione è quella di ridurre l’attrito dei tendini.

Quali sono i sintomi della trocanterite?

Il sintomo principale della borsite trocanterica è il dolore localizzato prevalentemente nella zona laterale dell’anca. Il dolore peggiora quando si è sdraiati sul fianco dell’anca interessata, nell’accavallare le gambe, nel salire le scale, correndo.

Possono essere presenti gonfiore in corrispondenza del grande trocantere e rigidità articolare dell’anca.

Quali sono le cause della trocanterite?

Le cause della borsite trocanterica sono:

  • contusioni o cadute accidentali sul fianco
  • pressione eccessiva o prolungata nell’area dell’anca (per esempio lo stare sdraiati sul fianco su superfici rigide per troppo tempo)
  • movimenti ripetitivi dell’articolazione dell’anca come correre e camminare
  • atrofia dei muscoli dell’anca
  • disturbi posturali

La diagnosi della trocanterite

La diagnosi della borsite trocanterica avviene attraverso l’anamnesi e l’esame clinico, gli esami strumentali sono finalizzati esclusivamente alla conferma diagnostica. La radiografia permette di escludere l’artrosi dell’articolazione coxo-femorale. L’ecografia può mettere in evidenza la presenza di calcificazioni tendinee (entesite calcifica).

Il trattamento della trocanterite

Il trattamento della borsite trocanterica prevede:

  • ultrasuoni a freddo, laserterapia ad alta potenza e tecarterapia per la riduzione dell’infiammazione e del dolore
  • onde d’urto: l’onda meccanica riduce la sintomatologia dolorosa, stimola i processi di guarigione del tessuto tendineo ed il riassorbimento delle eventuali calcificazioni inserzionali
  • esercizi di rinforzo dei muscoli dell’anca
  • esercizi posturale (rieducazione posturale globale)

Le infiltrazioni di cortisone sono controindicate poiché favoriscono la formazione delle calcificazioni tendinee.

L’impingement dell’anca

Che cosa è l’impingement dell’anca?

L’impingement dell’anca (FAI – Femoro Acetabular Impingement), chiamato anche conflitto femoro-acetabolare, è un contatto anomalo tra le superfici articolari dell’anca  dovuto ad un’alterazione anatomica delle stesse. Il contatto anomalo tra le superfici ossee usura precocemente la cartilagine articolare provocando infiammazione e dolore. Il conflitto femoro-acetabolare è la causa più frequente di dolore all’anca nei giovani adulti e negli sportivi.

Qual è la causa dell’impingement dell’anca?

In un’anca normale la testa del femore è sferica e aderisce in modo uniforme all’acetabolo. La causa del conflitto femoro-acetabolare è una conformazione anomala delle superfici ossee. Esistono 3 tipi di conflitto femoro-acetabolare:

  • il conflitto di tipo Pincer è dovuto ad una conformazione dell’acetabolo “a pinza” che determina, nei movimenti di flessione e rotazione dell’anca, un precoce contatto tra il collo femorale e il bordo acetabolare
  • il conflitto di tipo Cam è dovuto ad una conformazione anomala della testa femorale che non è perfettamente sferica e, con la sua porzione eccedente, entra in conflitto con il labbro acetabolare
  • il conflitto di tipo misto: l’anomalia ossea riguarda sia l’acetabolo che la testa del femore.

Quali sono i sintomi dell’impingement dell’anca?

Il sintomo principale del conflitto femoro-acetabolare è il dolore all’anca o all’inguine.
Il dolore compare dopo un’attività sportiva intensa (calcio, corsa), durante movimenti oltre il ROM fisiologico (danza, ginnastica artistica), compiendo gesti di vita quotidiana come entrare/uscire dall’auto, indossare scarpe, rialzarsi da una posizione accovacciata. Progressivamente il dolore si fa sempre più frequente limitando prima le attività sportive e pi quelle quotidiane.

È possibile inoltre avvertire rumori o blocchi articolari.

La diagnosi dell’impingement dell’anca

La diagnosi del conflitto femoro-acetabolare si basa su

  • un accurato esame clinico con test specifici che rievocano il conflitto e provocano la sintomatologia nota al paziente
  • una radiografia del bacino e delle anche per evidenziare le alterazioni anatomo-patologiche
  • una risonanza magnetica con contrasto per evidenziare eventuali lesioni del labbro acetabolare.

I trattamento dell’impingement dell’anca

Il trattamento conservativo del conflitto femoro-acetabolare prevede:

  • il riposo dall’attività sportiva
  • la tecarterapia e la magnetoterapia per ridurre l’infiammazione e la sintomatologia dolorosa
  • le infiltrazioni intrarticolari ecoguidate di acido ialuronico.

Quando le terapie conservative falliscono o il quadro è grave già alla diagnosi, l’unica soluzione è la chirurgia artroscopia: il conflitto femoro-acetabolare viene curato ricostruendo la normale anatomia dei capi articolari.

Prenota una visita